mercoledì 23 febbraio 2011

Dessert quattro stagioni

Pubblicato da Federica 12 commenti

Avete presente quei deliziosi barattoli di vetro col tappo a vite che una volta si usavano per fare le conserve?Si proprio quelli con scritto "Quattro stagioni"...Beh,li ho piacevolmente riscoperti nel reparto casalinghi del supermercato e pur non avendo mai fatto conserve in casa,li ho sempre trovati carini e utili,cosi li ho acquistati e vestiti di tutto punto per trasformarli in simpatici contenitori da dessert...invece delle solite ciotoline!Li ho trovati comodi da riporre in frigo e facili,qualora fossimo incaricati di portare il dolce a cena da amici,perchè li possiamo infilare in un bel cestino da pic-nic e il gioco è fatto!!


DESSERT MASCARPONE & ANANAS
Ingredienti per 6 porzioni:
3 uova-6 cucchiai di zucchero-250 gr di mascarpone-ananas in scatola-biscotti pavesini o savoiardi qb.

Sbattete i tuorli d'uovo con lo zucchero finchè non diventano spumosi,unite il mascarpone e lavorate finchè non è amalgamato bene,tagliate a piccoli pezzi l'ananas ben scolato e conservate lo sciroppo dove inzupperete i biscotti,unite l'ananas alla crema di mascarpone;alla base dei vostri barattolini mettete un biscottino bagnato,poi uno strato di crema,poi un altro biscottino e un altro strato di crema,eliminate eventuali "sbaffi" e avvitate il tappo!Ponete in frigo per almeno un paio d'ore prima di servire.


venerdì 18 febbraio 2011

Omaggio a Willy Wonka...

Pubblicato da Federica 19 commenti
"Qualche sciocchezza di tanto in tanto aiuta l’uomo a vivere d’incanto"
Willy Wonka, La Fabbrica di Cioccolato



Girovagavo tra i blog quando ad un tratto me ne compare uno molto carino e a me nuovo "farina del mio sacco" e tra foto e ricette leggo "La fabbrica del cioccolato"...tra le righe vedo che si tratta di un contest a base di cioccolato!Cosi con grande piacere mi sono detta:niente di più facile e felice allo stesso tempo per una ciocco-dipendente e Johnny Depp-fan come me e poi cosa cè sempre a portata di mano per una golosa irrefrenabile amante di dolci,con una bimba di quasi 4 anni più golosa di lei?Ma una scorta di tavolette di cioccolato pronta nella dispensa!Dentro non cè sicuramente il famoso biglietto d'oro di Willy Wonka,ma un dono altrettanto prezioso che sa di terre lontane,un profumo che inizia ad inebriarti mentre lo scarti e quel "crok" mentre ne stacchi il primo quadratino che è musica,si scioglie diventando velluto e si mescola agli altri ingredienti affinchè diventino una straordinaria golosità!E poi guarda un pò tra gli scaffali dei libri cè un graditissimo regalo di qualche Natale fa di una mia carissima amica,che cade a puntino,è ora di ritirarlo fuori e cosi,tra il profumo di cacao,le pagine di un libro ed il musetto pastrocchiato di mia figlia che affonda il ditino nell'impasto nasce il mio post!

MADELEINES AL CIOCCOLATO
Ingredienti:
3 uova-150 gr di zucchero-150 gr di burro-130 gr di farina-20 gr di cacao in polvere-100 gr di cioccolato fondente-1 cucchiaino di lievito per dolci-una bustina di vanillina-zucchero a velo.

Sbattete le uova con lo zucchero,sciogliete il burro e la cioccolata a bagnomaria e mescolate al composto,setacciate il cacao con il lievito e con la farina e unite al composto,in ultimo aggiungete la vanillina e lavorate finchè l'impasto non risulta cremoso e omogeneo;tenetelo in frigo per un ora abbondante.
Preriscaldate il forno a 160 gradi e cuocete le vostre madeleines nell'apposito stampo ben imburrato per 12 minuti;una volta freddate e sformate spolveratele con zucchero a velo.





lunedì 14 febbraio 2011

Felice San Valentino!

Pubblicato da Federica 13 commenti

"Che giorno è
E' tutti i giorni
Amica mia
E' tutta la vita
Amore mio
Noi ci amiamo noi viviamo
Noi viviamo noi ci amiamo
E non sappiamo cosa sia la vita
Cosa sia il giorno
E non sappiamo cosa sia l'amore."
di Jacques Prévert

San Valentino è una festa che adoro per la sua tenerezza fatta di cioccolatini,fiocchi rossi e piccoli doni fatti col cuore da chi si ama e ha piacere di sottolinearlo con questa ricorrenza romantica,ma sa anche quanto sia importante dirsi TI AMO non solo oggi,ma tutti i giorni dell'anno!!A tutti coloro che si amano dedico questi cupcakes semplici,golosi e di rosso vestiti,augurandovi un felice San Valentino!!


CUPCAKES VANIGLIA E CIOCCOLATO
Ingredienti per 12 cupcakes:
2 uova-140 gr di burro-140 gr di zucchero-140 gr di farina-1 bustina di vanillina-1 cucchiaino di lievito in polvere-1 pizzico di sale-4 cucchiai di latte-frosting al cioccolato per copertura.
Ingredienti per il frosting:
100 gr di burro-40 gr di cacao-300 gr di zucchero a velo-40 ml di latte-zuccherini colorati.

Lavorate il burro tenuto a temperatura ambiente con lo zucchero semolato,unite le uova e mescolate bene,quindi unite la farina,il lievito,un pizzico di sale fino,la vanillina e il latte;lavorate finchè l'impasto non risulta cremoso e omogeneo;riempite i pirottini di carta a 3/4 e poneteli in forno inserendoli nell'apposita teglia a 150 gradi per circa 20 minuti;sfornateli e fateli freddare bene;intanto preparate il frosting al cioccolato,lavorando a crema il burro tenuto a temperatura ambiente,con il cacao in polvere e lo zucchero a velo vanigliato,setacciato per bene,infine unite il latte freddo;lavorate montando a crema soffice il tutto e quando è pronto decorateci la superfice dei cupcakes!



giovedì 10 febbraio 2011

Ricordi alsaziani e Kugelhupf

Pubblicato da Federica 17 commenti

Una finestra su Colmar: un viaggio di qualche tempo fa ci ha portato tra le bellezze dell'Alsazia,questa terra "di confine" per metà francese e per metà tedesca nei suoi costumi,nei suoi dialetti e soprattutto nella sua cucina;è stato un bellissimo viaggio in macchina per ammirare al meglio il suo territorio fatto di colline di viti,montagne innevate e cittadine caratteristiche,una tappa alla capitale maestosa che è Strasburgo e la scoperta di luoghi "di nicchia" dove il turismo di massa è ancora poco inflazionato!
E' sempre l'ora per una buona tazza di tea e questo negozio a tema,sulla via principale di Colmar,ne era ricco di ogni essenza e gusto!Sorseggiare una miscela nuova,lasciarsi sorprendere e portarne a casa un assaggio per ricordare l'indugiare del momento...
Le insegne in ferro battuto dei negozi e delle botteghe ti danno l'impressione che il tempo si sia quasi fermato al secolo scorso,quando la cittadina viveva delle ricchezze della terra e del turismo dei viaggiatori di passaggio...
Colorate case a graticcio illuminano le nostre passeggiate tra le viuzze alla scoperta dei luoghi del gusto.Una volta era usanza che ogni colore di casa rappresentasse il mestiere di chi l'abitava,ad esempio le case blu erano dei pescatori,quelle rosse dei macellai,quelle marroni dei conciatori di pellame,quelle verdi degli agricoltori...Ed anche se tanti mestieri sono andati scomparendo o sostituiti da moderne fabbriche,le case per tradizione sono rimaste sempre colorate!
I caratteristici Pretzel appesi con cura loro li chiamano "Bretzel salè" e mia figlia ne andava letteralmente matta,tenendone sempre uno in mano a modi coperta di Linus,quasi consolatorio,nel suo primissimo lungo viaggio,fatto di nuove scoperte e aria che sapeva di spezie e di neve...
Bevande calde si vendono al bicchiere in ogni angolo della città,per ritemprare dal freddo i  turisti impavidi e curiosi che si aggirano per i mercatini natalizi in cerca di souvenirs e cibarie,proprio come noi e saremmo sempre riconoscibili perchè abbiamo in una mano la macchina fotografica e nell'altra un bicchiere di cioccolata calda o vin brulè...
Il simbolo dell'Alsazia è la cicogna,vi è anche una grande oasi naturale dove questa specie è protetta e curata;ma soprattutto l'Alsazia è ricca di simboli culinari che trovano origine proprio tra i suoi boschi e il suo territorio: i  vini come il famoso Gewurztraminer alsaziano sono il loro vanto nonchè meta per gli appassionati del genere con tour guidati alle cantine e ai villaggi dei vignaioli,i piatti a base di salsicce e crauti come la choucroute poi le marmellate(come il mio acquisto goloso nella foto qui sopra)di Christine Ferber,che un giorno non troppo lontano si è messa a fare la marmellata in casa e quando qualcuno ha scoperto quanto era buona e quanto erano carini i vasetti dove la conservava,è nato un "business" che oggi arriva lontano,sottoforma di libri,ricette e vasetti ben confezionati,sulle tavole di foodblogger e non.Ma una delle golosità che più di tutte mi ha colpito dell'Alsazia e che faceva capolino in tutte le vetrine dei fornai e dei pasticceri locali è il kugelhupf un dolce di pasta soffice,con uvetta e mandorle,adattissimo per la colazione del mattino.
Ed ecco il mio nella versione mignon:


RICETTA KUGELHUPF
Ingredienti:
150 gr di farina-50 gr di mandorle-50 gr di uvetta sultanina-60 gr di zucchero-70 gr di burro-2 uova-scorza grattata di arancia o mandarino-1 cucchiaio di lievito.

Lavorate i tuorli con la metà dello zucchero a spuma,unite la buccia grattata e qualche goccia di succo di arancia(o se preferite di mandarino)e il burro fuso;montate a neve gli albumi con l'altra metà dello zucchero;setacciate la farina col lievito,unite i tuorlo d'uovo e in ultimo gli albumi e l'uvetta passa rinvenuta e ben strizzata;imburrate l'apposito stampo da Kugelhupf e "infarinatelo"con qualche mandorla pelata,versate il composto e cuocete in forno a 170 gradi per 20 minuti.














lunedì 7 febbraio 2011

Proust e le sue madeleines.

Pubblicato da Federica 11 commenti

"...In una giornata d’inverno, rientrando a casa, mia madre, vedendomi infreddolito, mi propose di prendere, contrariamente alla mia abitudine, un po’ di tè.Rifiutai dapprima, e poi, non so perché, mutai d’avviso. Ella mandò a prendere uno di quei biscotti pienotti e corti chiamati Petites Madeleines, che paiono aver avuto come stampo la valva scanalata d’una conchiglia di San Giacomo.Ed ecco macchinalmente oppresso dalla giornata grigia e dalla previsione d’un triste domani, portai alle labbra un cucchiaino di tè, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di biscotto toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario.
Un piacere delizioso m’aveva invaso, isolato, senza nozione della sua causa.
M’aveva subito resi indifferenti le vicissitudini della vita, le sue calamità, la sua brevità illusoria, nel modo stesso in cui agisce l’amore, colmandomi di un’essenza preziosa..."




MADELEINES
Ingredienti per 24 madeleines:
3 uova-150 gr di burro-150 gr di farina-150 gr di zucchero-1 cucchiaino raso di lievito-5 cucchiaiate di latte freddo-1 limone non trattato.

Passate al setaccio la farina e il lievito,lavate e grattate la scorza del limone;sbattete le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso;incorporate la farina,il lievito,la scorza del limone,il burro fuso;mescolate fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo;lasciatelo riposare in frigorifero per almeno un ora;scaldate il forno a 200 gradi,riempite l'apposito stampo da madeleines ed infornate per circa 6 minuti,dopo questo tempo abbassate il forno a 150 gradi e lasciate cuocere per altri 6 minuti finchè le madeleines non saranno gonfie e dorate;sfornate e lasciate freddare prima di sformarle e servirle.

QUALCHE CONSIGLIO UTILE:
-usate lo stampo apposito da madeleines per avere l'inconfondibile forma a conchiglia,ottimi quelli in silicone(ma solo di buona marca)e quelli antiaderente
-freddate sempre l'impasto in frigorifero per almeno un ora,prima di cuocerlo,cosicchè lo sbalzo termico dal frigo al forno,conferirà la gobbetta tipica alle madeleines
-per aromatizzare le madeleines potete scegliere di usare a seconda del vostro gusto,la scorza grattata del limone,oppure dell'essenza di mandorla o della vaniglia
-se usate burro salato,al posto di quello normale,enfatizzerete l'aroma del vostro dolce.





mercoledì 2 febbraio 2011

Sablè e Petit Prince

Pubblicato da Federica 16 commenti

"Cerco degli amici.Che cosa vuol dire addomesticare?”disse il piccolo principe.
“E’ una cosa da tempo dimenticata.Vuol dire “creare dei legami…” Tu fino ad ora per me sei un ragazzino uguale a centomila ragazzini.E non ho bisogno di te.E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi.Ma se tu mi addomestichi noi avremo bisogno l'uno dell'altra e tu sarai per me unico al mondo ed io sarò per te unica al mondo”disse la volpe.
La volpe poi tacque e guardò a lungo il piccolo principe:"Per favore addomesticami"disse.
"Volentieri"rispose il piccolo principe"ma non ho molto tempo però,ho da scoprire degli amici e da conoscere molte cose".
"Non si conoscono che le cose che si addomesticano,gli uomini non hanno piu' tempo per conoscere nulla.Comprano dai mercanti le cose gia' fatte.Ma siccome non esistono mercanti di amici,gli uomini non hanno piu' amici"disse la volpe.
"Che bisogna fare?"domandò il piccolo principe.
"In principio tu ti siederai un po’ lontano da me,cosi nell’erba.Io ti guarderò con la coda dell'occhio e tu non dirai nulla,perchè le parole sono fonte di malintesi.Ma ogni giorno tu potrai sederti più vicino a me..."
Il piccolo principe allora tornò l’indomani.

"Sarebbe stato meglio ritornare alla stessa ora"disse la volpe.
"Se tu vieni ad esempio tutti i pomeriggi alle quattro,dalle tre io comincerò ad essere felice.Col passare delle ore aumenterà la mia felicità.Quando saranno le quattro,inizierò ad agitarmi e a inquietarmi cosi scoprirò il prezzo della felicità.Ecco il mio segreto è molto semplice:non si vede bene che col cuore,l'essenziale è invisibile agli occhi".


Se cè un libro che ancora oggi adoro e non mi stanco di rileggere è proprio quello del "Piccolo principe" per la sua delicata storia fatta di metafore e insegnamenti,l'autore la narra con l'ingenuità e la fantasia tipiche dell'infanzia e in contrapposizione il lettore ne legge tra le righe il pensiero dell'uomo adulto,incapace di sognare perchè ha dimenticato di essere stato bambino anche lui....
Una vecchia scatola di latta che custodiva piccole gioie senza valore ma col significato che il tempo attribuisce loro,ha ripreso vita per ospitare questi deliziosi biscottini da tea dal sapore francese come questa favola senza tempo e  a me tanto cara,i biscotti sablè...

BISCOTTI SABLE'
Ingredienti per 30 biscotti circa:
345 gr di burro-250 gr di zucchero-1/2 cucchiaino di sale-6 tuorli d'uovo-2 cucchiaini di vaniglia-500 gr di farina.

In un recipiente largo lavorate a crema il burro tenuto a temperatura ambiente con lo zucchero,unite i tuorli d'uovo uno alla volta,la vaniglia e mescolate bene;unite la farina setacciata e impastate il composto finchè non risulta ben amalgamato;fatelo riposare un oretta nel frigo avvolto nella pellicola trasparente;quindi lavoratelo sulla spianatoia infarinata,stendetelo col mattarello e formate col tagliabiscotti i vostri sablè che infornerete su una teglia ricoperta di carta da  forno a 150 gradi per 15 minuti.



 

L'ORA DEL TEA Copyright © 2010 Design by Ipietoon Blogger Template Graphic from Enakei